venerdì 22 aprile 2022

La giornata Mondiale della Terra


Oggi è la Giornata Mondiale della Terra, e credo che mai come ora sia importante sottolineare che per quanto alcuni vorrebbero colonizzare altri pianeti, allo stato attuale, non c'è un pianeta B e mi auguro che non ci sarà prima di aver sistemato la situazione qui, perchè andare in cerca di altro è come far andare in malora casa propria e credere di far diversamente altrove. Sono critica lo so, ma con tutte le risorse che si potrebbero impiegare per impattare il meno possibile, pensare allo spazio, se non come modo di sperimentare cose che potranno essere utili alla Terra, mi sembra assurdo. Si parla di riduzione dei gas serra ma oltre alle automobili, tutto ciò che per funzionare genera combustione, produce anidride carbonica.
Ho pensato molto a diverse cose, non sempre produciamo anidride carbonica, ma anche calore che peggiora la situazione. E' come se scaldassimo una serra chiusa sotto il sole. E poi ci meravigliamo dell'aridità, dell'aumento delle temperature, dei fenomeni estremi che richiedono appunto molta energia, e calore. Ricordo quando sono rimasta male nel sapere che una mail consuma l'equivalente di una lampadina accesa per un anno e i server per funzionare devono essere raffreddati. Tutto ciò che raffredda, come frigoriferi e condizionatori, è sottoposto a un ciclo il cui risultato finale è buttare fuori calore ( Dalle Leggi della Termodinamica non si sfugge). Ci avevate mai pensato? In estate raffreddiamo le nostre case  continuando a riscaldare l'ambiente circostante. 
Questo, sommato alle emissioni che quotidianamente ognuno di noi produce, attraverso innumerevoli gesti, dall'uso della macchina, a ciò che consumiamo, incrementa questi gas. L'azione di ognuno conta e se aspettiamo l'azione dei governi e dei grandi imprenditori non so se otterremo realmente qualcosa. Siamo noi che consumiamo e determiniamo certi comportamenti e se non cambiamo, miglioriamo come singoli, non possiamo aspettarci che lo facciano altri per noi .
Non sto parlando di tornare al Medioevo ma di trovare soluzioni. Ci siamo resi conto durante il lockdown che la diminuzione dei voli aerei, delle macchine in circolazione ha avuto un impatto positivo sulle emissioni, e ve lo devo dire, i tanto bistrattati allevamenti hanno continuato a funzionare, come tutto il comparto agricolo, dimostrando che forse non siamo la causa principale dell'inquinamento. Non sto dicendo che non si deve arrivare ad eliminare gli allevamenti intensivi, dove gli animali sono rinchiusi in pochi metri quadri o che anche loro non  abbiano un impatto sul clima, ma non il principale, come sento dire costantemente, da quando sono in agricoltura e badate bene, io coltivo ortaggi secondo il metodo biologico, quindi, quello che secondo le direttive sarebbe auspicabile aumentare, ma non demonizzo i piccoli allevamenti locali. 
Dovremmo ridurre l'impatto e invece, sapete, non comprando locale, aumentiamo i trasporti. Le tanto comode piattaforme di vendita producono un grave impatto, sommato al nostro di tutti i giorni, grazie ai numerosi corrieri. Non dico di non utilizzarle, ma di farlo con criterio.
Arrivare a ridurre ha un costo, delle conseguenze, una necessità di ripensare al modo in cui viviamo, non ci sono ricette semplici.
In questi anni dovevamo ridurre la plastica e ci ritroviamo ormai isole di mascherine. Meno emissioni in generale e sono aumentati i conflitti bellici: più aerei, movimento di mezzi, detonazioni, crollo di case e edifici che producono polveri sottili, che non aumenteranno l'effetto serra ma portano malattie, come se la morte della guerra non fosse abbastanza.
So che il mio post è duro, ma aspettiamo che altri ci dicano cosa fare, quando le cose dovrebbero essere una responsabilità nostra: usiamo mezzi più ecologici, compriamo locale, informiamoci sulle politiche delle aziende da cui compriamo e pretendiamo che siano sostenibili. Dovremmo spingere a fare delle piccole centrali più delocalizzate che utilizzino fonti rinnovabili e permettano quindi meno costi di trasporto dell'energia, aumentare le aree verdi, diminuire l'uso di tutto quello che non è riciclato o riciclabile, riutilizzare, aggiustare, riciclare il più possibile e forse riusciremo a cambiare, un passo alla volta, le cose.
A presto
Agrifoglio
Credit. La locandina è di Valentina Scuteri di Ozio Creativo 
P.s. Io sono la prima che deve migliorare in queste cose.

martedì 19 aprile 2022

Natura Ciclica: I lavori di Inizio Primavera


Siamo quasi a Maggio, ma in questi mesi cosa si fa nei campi dell'Appennino? Cosa mi aspetta nelle prossime settimane? Cosa ho fatto nei mesi precedenti con un po' di aiuto? Vi lascio un audio in cui ne parlo...ero in campo quindi sentirete il vento di questa giornata...e un aggiunta prima di sfalciare le piante le faccio sfiorire e qualcuna va anche a seme



A presto
Un abbraccio 
Agrifoglio

sabato 26 marzo 2022

Rondelle di Agricoltura: L' Acqua in Agricoltura. Seconda Parte

Salve a tutti, con questo episodio si conclude la Prima Stagione di Rondelle di Agricoltura.


Le giornate si allungano e il tempo del racconto viene sostituito da quello del fare. È necessario pensare alle colture che verranno. Si inizia a seminare, trapiantare, mettere a dimora e il tempo per la cura di queste cose é molto è rimane poco per raccontare e divulgare. Forse ci incontrerete fuori dal virtuale. Torneremo a raccontare di Agricoltura, ma per ora seguiamo i ritmi delle stagioni. Non abbiamo dimenticato di dire di cosa tratteremo stasera. Questa settimana c'è stata la Giornata Mondiale dell'Acqua e quindi quale modo migliore di salutarvi di continuare a parlare di acqua, dei modi di irrigazione, di come si stabilisce il fabbisogno idrico delle piante, di allevamento e di acqua piovana.
Per il momento vi lasciamo all'ascolto dell'ultimo episodio della stagione, vi salutiamo e vi invitiamo a fare domande, se ne avete. Grazie di averci ascoltato e speriamo di avervi raccontato un mondo che non conoscevate.


Un abbraccio da 
Holly(Agrifoglio) e
Un Saluto da
Junior. 
P. S. Aggiungo una cosa, oltre a quanto vi ho detto l'acqua piovana contiene discolta anidride carbonica che promuove la fotosintesi, entrando in contatto diretto con le foglie delle colture

sabato 12 marzo 2022

Rondelle di Agricoltura: L' Acqua in Agricoltura. Prima Parte


In questo nuovo episodio io e Junior vi parleremo dell'acqua in agricoltura e in particolare in questa prima parte tratteremo le fonti di approvvigionamento e le concessioni per ottenere l'uso dell'acqua. Se avete domande o curiosità non esitate a chiedere. Vi lasciamo all'ascolto. Un saluto da Junior e un abbraccio da
Holly 

lunedì 28 febbraio 2022

Natura Ciclica: I lavori In Inverno

Si pensa che l'agricoltura vada incontro a un riposo invernale come per la Terra, questo peró dipende dall'area Geografica di appartenenza ma anche dal tipo di lavoro che si fa. Nel mio caso, in Appennino c'è chi chiude l'azienda da dicembre a marzo perché i raccolti sono estremamente limitati, come raccontavo, e se per qualche tempo ci si può dedicare ad altro.. Io leggo, ricamo, faccio la maglia, guardo serie tv e film in lingua inglese e poi imparo qualcosa di nuovo... Ma questo tempo è limitato dal dover organizzare l'annata agraria che verrà... Si devono controllare le scorte, fare gli ordini per quello che servirà, fare programmi e schemi di coltivazione, che nel mio caso devono essere comunicati all'organismo di controllo, avendo una certificazione. Bisognerebbe e lo dico al condizionale, perché finora ho sempre avuto timore di fare qualcosa di sbagliato.. Pulire tutti i filtri dei mezzi agricoli, pulire i mezzi stessi e controllare tutte le regolazioni del caso. Le zappe andrebbero riaffilate e i manici controllati, cambiati se necessario e unti con olio di lino...altra mancanza... Poi si passa alla manutenzione di pali e paletti e ai trattamenti antifungini agli alberi da frutto, prima che comincino a fiorire, i quali finora venivano fatti con la cosiddetta poltiglia bordolese (un mix di solfato di rame e idrossido di calcio), ma a causa della tossicità del rame  per gli organismi acquatici e la possibilità di contaminare le falde freatiche, le dosi utilizzabili sono state abbassate e forse lo saranno ancora in futuro e in ambito biologico c'è solo la propoli che può aiutare ma non si può sostituire del tutto al rame stesso. In aggiunta se gli alberi non sono stati potati in autunno si provvederà a farlo quando le temperature lo permetteranno e prima che le linfe ricomincino a muoversi, segnando l'inizio della stagione primaverile. Se uno ha un po' di vigna, anche questa andrà potata, sempre  in un periodo non troppo freddo o gelerà o troppo caldo perché la linfa che avrà iniziato a scorrere e produrrà il cosiddetto pianto della vite, che sancisce la fine del periodo di potatura. Insomma il periodo di riposo è più breve di quello che si crede e sta diventando sempre più breve a causa della mancanza di vere stagioni invernali. Spero di avervi raccontato cose che ancora non sapevate dell'agricoltura nella stagione invernale... E non vi ho detto tutto...perché c'è molto altro da fare e da preparare
Un abbraccio e a presto
Agrifoglio